News

Ti consigliamo

SOSPENSIONE DEI COLLEGAMENTI DELL’USTICA LINES, IL SINDACO PAGOTO CHIEDE L’INTERVENTO DELLA REGIONE

SOSPENSIONE DEI COLLEGAMENTI DELL'USTICA LINES, IL SINDACO PAGOTO CHIEDE L'INTERVENTO DELLA REGIONE

La Società Ustica Lines ha comunicato nel pomeriggio di oggi la sospensione del servizio da e per le isole Egadi ed Eolie a partire da lunedì 12 aprile a causa delle “gravi inadempienze della Regione Siciliana”. Siamo certi che non sarà necessario adottare e portare fino in fondo tale decisione, ma certamente interverremo anche per denunciare il grave danno di immagine arrecato al nostro Arcipelago a poche settimane dall’inizio della stagione turistica. La cessazione del servizio di linea marittima paventata dalla compagnia di navigazione riporterebbe la nostra Comunità indietro di decenni. Confidiamo che nelle prossime ore il Governo Regionale trovi una soluzione riportando serenità ai lavoratori, ai turisti e/o frequentatori e soprattutto ai cittadini delle Isole Egadi e delle altre Isole, che rimangono, seppur oltremodo penalizzati cittadini siciliani, cittadini italiani!

Il Sindaco
Giuseppe Pagoto

——————————————————————-

Su proposta del consigliere comunale di Favignana Linda Guarino, e sottoscritto da tutti i consiglieri di maggioranza, verrà trattato domani, nella seduta del Consiglio Comunale fissata per le 9.30 nella sede di Palazzo Florio, un Ordine del giorno suppletivo sulla minaccia di sospensione dei collegamenti tra le isole Egadi e la terraferma da parte della compagnia Ustica Lines.

Nella nota redatta dalla Guarino, e inviata al Prefetto di Trapani, oltre che al sindaco, Giuseppe Pagoto, e al Presidente del Consiglio Comunale, Ignazio Galuppo, si legge:
“Alla dichiarazione dalle gravissime conseguenze per la nostra comunità, si aggiungono le difficoltà provocate dal servizio saltuario, prestato in questo periodo dal traghetto Simone Martini della Compagnia Siremar. La situazione dei trasporti da e per le nostre isole appare ancora una volta molto incerta e fortemente penalizzante per i cittadini residenti e per l’intera economia del nostro arcipelago. Ribadiamo con forza quanto sia grave il danno per gli abitanti isolani, che affidano ad una continua comunicazione con la terraferma la soddisfazione di bisogni primari quali quelli sanitari, amministrativi, commerciali e, non ultimo, quello del diritto allo studio. Inoltre, alla vigilia dell’apertura della stagione turistica, siamo incredibilmente costretti a constatare come vengano messi in difficoltà proprio i trasporti, settore che con ogni evidenza risulta strategico per lo sviluppo dell’intera economia dei nostri territori e che vede il nostro Comune costantemente impegnato su questo fronte”.
I consiglieri di maggioranza ricordano come nei mesi scorsi l’Amministrazione sia stata tra le prime della provincia ad assolvere all’impegno di finanziare l’operazione di co-marketing relativa all’aeroporto “Vincenzo Florio” di Birgi, proprio per promuovere il territorio e consentire la permanenza della compagnia irlandese Ryanair nel territorio. E ricordano di aver più volte messo in evidenza quanto i trasporti rivestano un ruolo estremamente significativo per la qualità di vita degli abitanti delle isole minori, per garantire un principio di uguaglianza sostanziale dei cittadini e di coesione di natura economica e sociale.
“Il principio di Continuità territoriale, promosso in sede europea – aggiunge la Guarino – sancisce la necessità di garantire un servizio di trasporto che non penalizzi cittadini residenti in territori meno favoriti. Vedere ciclicamente mettere in forse questo principio, aumenta il senso di frustrazione delle nostre comunità insulari, che resistono ad inverni difficili resi incerti dalle condizioni meteorologiche. Nella complessa partita tra Regione e compagnie di navigazione, a perdere ogni diritto sono le popolazioni delle isole e questo è inaccettabile né può rimanere senza conseguenze”.

I consiglieri chiedono all’Amministrazioine delle Egadi, di concerto con il Prefetto, di porre in essere ogni azione possibile perché i collegamenti, non vengano interrotti, e di impegnarsi ad esigere che le parti in causa, Governo Regionale e compagnie di navigazioni, individuino senza indugio soluzioni concrete che assicurino continuità e qualità nei trasporti da e per l’arcipelago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.